Antonio, e il lavoro di papà

– Eroi del Pulito – Storie di veri eroi del quotidiano

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

“Perché mio padre faceva già questo lavoro ed io l’ho perfezionato ed ampliato.” Così Antonio Elia, 28enne ragazzo di Milano, ci racconta la sua esperienza di lavoro e di vita da eroe del pulito. Grazie all’aiuto delle sorelle Angela e Rosa porta avanti l’azienda di famiglia attiva nel settore delle pulizie professionali nella città di Milano. L’abbiamo raggiunto per farci raccontare la sua esperienza.

Ciao Antonio, raccontaci il tuo lavoro, in cosa consiste e perché lo hai scelto?

Perché mio padre faceva già questo lavoro ed io l’ho perfezionato ed ampliato, e poi mi dà carica quando i clienti mi dicono: “Sai io prima mi affidavo a tuo papà e mi fa piacere sapere che adesso il figlio continua e poi il vostro cognome per me è una garanzia”.

Quali sono i tratti caratteristici per riuscire al meglio nel tuo lavoro?

Assicurare al cliente la qualità ad un prezzo onesto. Fondamentale è parlare con il cliente.

Quali sono le potenzialità riscontrate dal tuo lavoro?

Avvalersi di ottimi collaboratori fidati, mi danno sicurezza nel caso non sono presente sul posto di lavoro voglio e devo potermi fidare.

Quali sono le problematiche riscontrate dal tuo lavoro?

La concorrenza sleale di chi effettuata lavori a basso costo e senza garanzie.

Il tuo prossimo obiettivo da Eroe del Pulito?

Cercare di prendere più appalti e saperli gestire e curare al meglio, ed instaurare un rapporto di fiducia con il cliente.

Un consiglio alla comunità degli Eroi del Pulito

Lavorare al meglio che la qualità prima o poi paga.

Il tuo motto?

Non rimandare a domani quello che puoi e devi fare oggi!